Disturbi legati al diabete


Quando viene diagnosticato il diabete, è normale preoccuparsi per le complicazioni legate a tale patologia.

I disturbi legati al diabete possono essere classificati in tre categorie principali:

1. Danni ai nervi (Neuropatie)

Le neuropatie legate al diabete appartengono ai disturbi del sistema nervoso e portano a insensibilità, qualche volta dolore e debolezza nelle mani, nelle braccia, nelle gambe e nei piedi. Le neuropatie possono anche avere effetti sul sistema digerente, sul cuore e sugli organi sessuali.

Circa il 50 % delle persone con diabete mostrano danni al sistema nervoso, ma non tutti presentano sintomi fisici a questo riguardo. Le neuropatie sono più comuni nelle persone che hanno il diabete da almeno 25 anni, che sono sovrappeso, che tengono sotto controllo il livello di glucosio e che hanno la pressione alta. Il tipo più diffuso riguarda le neuropatie periferiche, che danneggiano le gambe e le braccia. Questo tipo di danno è riscontrabile in un’assenza di sensibilità nei piedi. Questo aumenta la probabilità di infortuni ai piedi, che, se non curati, possono portare all’amputazione.

2. Danni ai vasi sanguigni più grandi (Disturbi macrovascolari)

Un alto livello di glucosio indurisce le arterie (arteriosclerosi), e questo può portare a un attacco di cuore, all’ictus o a problemi di circolazione nei piedi.

I disturbi legati al cuore sono le prime cause di morte legate al diabete. Gli adulti con diabete hanno tassi di morte legati al cuore da 2 a 4 volte superiori rispetto a coloro che non l’hanno. Anche il rischio di ictus è superiore di 2 a 4 volte.

3. Danni ai vasi sanguigni più piccoli come i capillari (Disturbi microvascolari)

Un alto livello di glucosio nel sangue ispessisce le pareti capillari, rende il sangue più denso e può causare delle crepe nei vasi sanguigni più piccoli. Questi effetti, insieme, possono ridurre la circolazione del sangue verso la pelle, le braccia, le gambe e i piedi. Possono anche avere effetti sugli occhi, sui denti e sui reni. Un flusso capillare di sangue ridotto può inoltre provocare macchie marroni sulle gambe.

Con un buon controllo del glucosio nel sangue, molti di questi disturbi possono essere ridotti. La priorità dovrebbe essere quella di raggiungere livelli di emoglobina glicata (HbA1c) uguali o inferiori al 7 %.  La ricerca ha mostrato che per ogni punto percentuale in meno di HbA1c che si riesce a raggiungere, il rischio di attacco di cuore diminuisce del 14%, il rischio di disturbi microvascolari del 37% e il rischio di disturbi vascolari periferici del 43%. Ogni punto percentuale in meno nel livello di HbA1c riduce ulteriormente il rischio di complicazioni.

Se anche tu hai dei disturbi legati al diabete, ci sono dei trattamenti dedicati a queste complicanze.

Informati presso gli operatori sanitari sui migliori trattamenti per te!

 



Nota importante: Il contenuto di questo sito web non è progettato per essere un sostituto di consigli, diagnosi o terapie dei medici. Mai trascurare i consigli del medico curante o tardare nel contattarlo per via di contenuti presenti su questo sito.

BD, il logo BD e tutti gli altri marchi BD sono di proprietà di Becton Dickinson and Company. © 2014 BD